Labrador

Oltre alle apprezzate qualità venatorie, che da sole non spiegherebbero la grande diffusione del Labrador (in assoluto la razza più diffusa in Nord America e in grande ascesa anche in Europa), il Labrador ha tutte le qualità desiderabili per un cane che deve diventare l’animale di casa.

cuccioli labradorE’ adattabile; obbediente e desideroso di accondiscendere; molto-molto affettuoso; vivace ma privo di aggressività e quindi “sicuro”; esuberante nel gioco ma gentile e delicato, particolarmente con i bambini più piccoli; curioso per tutto e per tutti ma non molesto; socievole con gli altri animali, coraggioso e indipendente e istintivamente pulito (impara subito a non sporcare in casa).

Un Labrador ha tutte queste qualità e in più un’intelligenza che gli permette di apprendere facilmente e affrontare molte situazioni differenti reagendo adeguatamente. Gli piace stare con i membri della famiglia e nello stesso tempo sta tranquillo quando viene lasciato solo.

Non pone nessun problema di nutrizione ed è stato selezionato per avere una costituzione sana e robusta. Insomma, il Labrador è capace di diventare un meraviglioso amico; comprende le esigenze dei padroni e collabora alle loro iniziative.

In ogni campo di azione il Labrador è pieno di risorse: grazie ad un naso molto sensibile e alla sua costanza nel lavoro può essere addestrato per individuare droghe ed esplosivi e per trovare persone sepolte sotto valanghe e macerie; in Italia e in Francia il Labrador è usato come cane da tartufo. Grazie alla particolare confidenza che ha per l’acqua è stato usato per il salvataggio di naufraghi e bagnanti in difficoltà. E’ stato utilizzato in periodo bellico per portare messaggi. Per le sue caratteristiche di cane da riporto si presta anche per svolgere curiosi compiti domestici come portare le pantofole al padrone o andare a prendere il giornale (traffico permettendo). Una delle sue funzioni più importanti e nobili è la guida dei non vedenti. Si è scoperto che i Labrador sono più adatti di qualsiasi altra razza per questo ruolo. In Gran Bretagna, sotto il nome di “Guidewell”, i Labrador sono educati per la guida dei ciechi e una cagna gialla con questa funzione ha vinto il primo premio in una gara di bellezza. Questo perché gli inglesi, realizzando che il rapporto cieco-cane è vitale anche per le relazioni sociali del non vedente, scelgono degli esemplari che “attirano” i complimenti. Il Labrador in Inghilterra viene anche utilizzato a fini terapeutici negli ospedali pediatrici e negli istituti per handicappati, proprio perché il suo temperamento è così dolce. È veramente un grande cane.

C’è solo una cosa che il Labrador non può fare: il cane da guardia. Prima di prendere un cane bisogna tenere presenti varie cose: c’è da considerare che un Labrador richiederebbe due buone passeggiate al giorno, possibilmente senza guinzaglio in luoghi dove possa dar sfogo alla sua vivacità. Richiede anche un’area adeguatamente spaziosa o la possibilità di muoversi o una casa abbastanza grande, per impedire che la coda spazzi via gli oggetti dai tavoli. Necessitando di compagnia e di qualche stimolo mentale: non devono essere rinchiusi in casa da soli tutto il giorno! Nella scelta è utile prendere in considerazione le caratteristiche della razza dell’animale in relazione alle proprie esigenze: se si vuole l’aggressività, il Labrador non va bene. Se si permette all’animale di essere un “individuo” e di non temere la sottomissione, si svilupperà un rispetto reciproco. Il Labrador tende a essere così coccolone che il pericolo è nel viziare il cane e dargli tutto quello che vuole. Contrariamente ad altre razze, il Labrador è stato selezionato e allevato in modo da avere una costituzione forte, cosa che gli permette di vivere a lungo (quattordici o quindici anni e più) in buona salute. Inevitabilmente sorgeranno però i problemi della vecchiaia, con la responsabilità di prendersi cura di un vecchio Labrador. Gradualmente diventa più lento, tende a non alzarsi e non viene più da voi velocemente quando lo chiamate. Arriverà il giorno in cui dovrete decidere se sopprimerlo o lasciare che passi da una malattia all’altra. Tuttavia, finché il cane non soffre e può vivere bene, camminare, mangiare e bere senza difficoltà, può essere ancora un fedele amico.

In Inghilterra, culla di tante razze canine, il Labrador gode di una notevole popolarità. La ragione è molto semplice: sia che uno sia cacciatore, bambino, non-vedente o una persona qualunque, che vuole avere un cane che consenta il sogno del rapporto perfetto padrone-animale, la scelta del Labrador non deluderà mai. Sia fisicamente, che psichicamente è il cane archetipale: bello, elegante, sano, dolce, intelligente, affettuoso ed affidabile. Non ha rivali!

Particolare attenzione va prestata all’alimentazione di questa razza caratterizzata da uno sviluppo molto rapido.
L’allevatore vi consiglierà su tipo e quantità di cibo per il vostro cucciolo. Potrete optare per mangimi industriali, molto più comodi e bilanciati in tutti i loro componenti per la corretta crescita del vostro cane.

E’ bene prestare sempre attenzione alla dieta e alla quantità di esercizio fisico che il cane compie nell’arco della giornata, senza esagerare, in particolar modo quando il cane è ancora cucciolo (sotto i nove mesi).

Il nuoto è un ottimo sport per questo genere di cane.

Il Labrador ha una spiccata predisposizione all’apprendimento.

In ogni caso dovrete essere molto fermi con lui, soprattutto nei suoi primi mesi di vita. Senza una sana ma rigida disciplina i cuccioli di Retriever con la loro vivacità saranno praticamente ingestibili, creando non pochi grattacapi ai propri padroni e sconvolgendo la vostra tranquilla routine domestica e trasformando la vostra casa in un parco giochi.
Spesso chi sceglie un Labrador, lo fa senza tenere conto che si tratta di un cane da lavoro e che per questo motivo ha bisogno di sfogare la sua esuberanza. Perciò tenete sempre presente che questo cane adora la vita all’aria aperta, che è un grande camminatore e un’eccellente nuotatore. Vi consiglio di sfiancare il vostro cane, anche se è probabile che sarà lui a sfiancare voi.
Il labrador fu introdotto in Europa come cane da caccia, grazie al suo fiuto eccellente e l’ottima capacità di osservazione. Cane coraggioso e volenteroso, si può immergere nell’acqua fredda di un fiume o di una palude o del mare, riportando anche grosse prede, grazie alla forte muscolatura del collo. Non di meno è un fidato collaboratore anche in campagna e nei boschi per i cacciatori più esigenti.